Archivi tag: libertà

Depressione virtuale

Da anni non guardo più la televisione. Neanche il telegiornale. Sono abbonata al Fatto Quotidiano che scarico in pdf, anche se mi arriva da qualche tempo il cartaceo sin nella buca delle lettere, giusto per il piacere di aprirlo con la dimestichezza di chi ormai ha tanti anni di addomesticamento-quotidiano sulle mani. Lo ammetto, sono stata troppo concentrata a dimostrare a me stessa e al mondo l’inganno della televisione, che manipola, controlla, disciplina, omologa, dirige i cervelli. Lo penso ancora. Stamane però mi sono svegliata con un pensiero fisso. La Rete. Ho cominciato a figurarmela come una grande ragnatela che avvolge il mondo con una trama sempre più fitta, sino a stritolarlo, soffocarlo, mangiarlo e alla fine defecarlo… Continua a leggere »
Pubblicato in Dintorni | Contrassegnato , , , , , , | 5 commenti

Per una filosofia della fotografia

(Pubblicato su Alcinema.org il 1 luglio 2012) Vilém Flusser ritiene che una filosofia della fotografia debba consistere esclusivamente nella messa in guardia del fotografo dal rischio di cadere nella trappola della produzione all’infinito delle fotografie ridondanti, che non dicono nulla se non ripetere l’uguale e trasmettere il messaggio del canale e dell’azienda produttrice, il cui intento è deprivare l’individuo della sua coscienza critica. Flusser individua una dialettica progressiva e involvente nella storia dell’umanità fino alle immagini tecniche, che diventano superfici «“piene di dèi”» (p. 81) che l’uomo non decodifica, poiché è il canale di distribuzione che decodifica al posto suo, che dà significato all’immagine. Dall’idolatria, che consisteva in una divinizzazione delle immagini create dall’uomo, si è passati Continua a leggere »
Pubblicato in Fotografia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento