Archivi tag: guy debord

Contro il controllo totale

Nella società dello spettacolo in cui viviamo si fa un uso manipolatorio dell’immagine  attraverso armi persuasive di distrazione di massa. Il livello denotativo (quello manifesto, insomma) dell’immagine veicola perlopiù una bellezza contraffatta che è quella che balza agli occhi e ci distrae. Ma è il livello connotativo (il messaggio nascosto e veicolato) dell’immagine il vero scandalo nascosto: i canali di produzione – siano essi politici o aziendali – intridono l’immagine di significati vantaggiosi per i loro scopi, profittando della distrazione generata dal livello denotativo, per renderci passivi osservatori della realtà. Ci lasciamo soggiogare da questa dittatura visiva senza opporre il benché minimo rifiuto critico. Siamo anestetizzati, dopati allo scopo di controllare le nostre prestazioni visive e giungere così all’obiettivo di… Continua a leggere »
Pubblicato in Filosofia, Fotografia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Reality di Matteo Garrone

(Pubblicato su Alcinema.org il 5 maggio 2012) Luciano è un personaggio. Glielo dicono in tanti. È sempre al centro dell’attenzione, persino quando lavora nella sua pescheria. Così, per caso, dietro le insistenze della famiglia, partecipa a un provino per il Grande Fratello. La sua vita di pescivendolo e -come seconda attività- di piccolo truffatore viene sconvolta: entra nel personaggio-Luciano prima ancora di diventarlo. Insomma, il Grande Fratello comincia subito e il pescivendolo trentenne crede di essere spiato, inseguito, controllato dal GF fino a perdere se stesso. È un film profondamente triste. E su questo mare di pura melanconia plana un’ironia tagliente, rivelatrice, disincantante. Un’ironia che fa sanguinare. La vera protagonista di questa pellicola è in realtà la Continua a leggere »
Pubblicato in Dintorni | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento