Archivi tag: gravidanza

La domestica iettatrice – Settima e ultima puntata

Il licenziamento fu cosa buona e giusta Nacque mia figlia e a dispetto di quanto vaticinato dalla mia domestica, Sofia era una bellissima bambina nata già grande. Certo, c’è da dire che il parto non fu una passeggiata. Sofia stava rischiando la vita. Non so perché ma anche la mia ostetrica pensava che la bimba fosse piccola e si era convinta che io ero semplicemente grassa da far paura.
Che avesse parlato con la mia domestica?
Durante il travaglio nessuno si rese conto della fatica che faceva la bambina a venir fuori. Soltanto verso la fase finale, l’ostetrica e la ginecologa capirono d’un colpo che: la bambina aveva un doppio giro di cordone intorno al collo e intorno al braccio;… Continua a leggere »
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La domestica iettatrice – Quinta puntata

Gli effetti della mia domestica sul mio cervello affaticato  La situazione con la mia domestica era giunta a un punto di non ritorno. Per evitare l’effetto boomerang delle sue iatture, schivavo qualsiasi altra fonte di maleficio in una sorta di allerta continuo che mi obbligava a vigilare su tutte le situazioni casalinghe che potessero esser fonte di ulteriori possibili sciagure. Il risultato fu quello che dell’intellettuale non rimase alcuna traccia. C’era soltanto la donna gravida, in crisi di identità, che cercava di non far avverare alcuna profezia malefica, perfettamente consapevole che il suo cervello era ormai sotto sforzo continuo poiché doveva processare come false un numero consistente di iatture e c’era il serio pericolo che davvero non la spuntasse. Bisognava… Continua a leggere »
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La domestica iettatrice – Seconda puntata

I ricordi della domestica Ero nella fase finale della gravidanza: al nono mese. Per intenderci, la fase in cui si prepara il nido per accogliere l’arrivo del cucciolo. La fase in cui si presentano all’appello tutte le paure: “Starà bene?”, “Come sarà?”, “E se avrà problemi?”. Un giorno stavo stirando. Essendo diventata enormemente pesante e ingombrante, avevo trovato il sistema per non stancare le gambe: stiravo da seduta. La domestica era intenta a pulire la camera della mia prima figlia. Si sporse dalla porta e mi osservò nei miei goffi movimenti. Io la vidi e trasalii perché aveva assunto l’espressione che ormai le conoscevo quando stava per partorire una delle sue perle di saggezza. Così, in fretta, mi alzai. Abbandonai… Continua a leggere »
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | Lascia un commento