Archivi categoria: Racconti

Il vecchio proprietario

 
«Una casa è una casa. Non misurabile in metri quadri, insomma. Poi c’è quel giardino lì che fa parte di un sogno. Volevamo respirare la terra alzandoci al mattino per ricordarci della nostra originaria umanità. Il sole fa il resto. Rimane alto anche quando piove o le nuvole oscurano il cielo. Anche il sole ha una sua metafora, sa? Ci vive dentro se si sa come affrontare i giorni più neri. Ma queste mura erano ancora altro. Un “noi” cementato dalla consapevolezza che al di fuori ognuno è lupo per l’altro mentre dentro, invece, l’altro è un’aggiunta di valore: genitore o figlio o cane o gatto che sia. I completamenti non esistono se le fondamenta sono stabilmente ancorate a… Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il volto della lealtà

 
“Sei qui, mio amore. Ti sei svegliata a causa mia”.
Leila si accovacciò stancamente vicino a lui.
“Non riesco a prendere sonno. La rabbia mi assale e sta lì nel fondo spingendomi in basso. Provo a pensare ad altro ma di nuovo mi afferra e di nuovo si impossessa di me. No, non è una colpa non amare più. Che altro avrei potuto rispondere? Ma perché però è tanto difficile per gli uomini essere leali? Non mi rispondi, eh? Ma tu che cosa ne puoi sapere? Sei sempre così dolce, così piena d’amore, così tenera, così leale. Mi perdoni ogni cosa e neanche sai di farlo. E mi ascolti, riscaldandomi. Mi insegni ad amare, lo sai? E a reggere… Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La prospettiva del vero amore

 
Posò la penna sul tavolo e si guardò intorno. Lei dormiva sulla poltrona con il libro abbandonato sulle gambe. La stanza era in penombra. Era ancora lì dopo decenni di amore discreto. Stava in silenzio a leggere mentre lui scriveva. Le si avvicinò e la osservò attentamente. L’accarezzò lentamente per evitare che si svegliasse.
Quando le erano comparse quelle rughe sul volto? E quando quelle macchie sulle mani? E quando era divenuta tanto bella? Lei aprì gli occhi. Lo guardò e sorrise.
«Ti amo, mia bellissima sposa. Ti ho mai ringraziato per avermi fatto compagnia ogni sera per tanti decenni?».
«Ringraziarmi? E perché mai? Ho sempre pensato che fossi tu a farmi compagnia mentre io leggevo». Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Amico mio

 
C’eri tu. Quando piangevo, mi stavi accanto. Tu solo mi hai vista soffrire. E se tornavo stanca a casa, mi accoglievi paziente e gioioso. Non una volta mi hai tradito. Neanche nelle piccole cose. E ti raccontavo tutto. E se scrivevo, venivi accanto a me, ti appoggiavi sul mio braccio e mi baciavi. A modo tuo, sia chiaro. Nessuna scenata quando non condividevi quel che facevo. Stavi sempre lì pronto ad amarmi a qualunque costo. Eri geloso. L’unico tuo limite. Nessuno poteva abbracciarmi senza rischiare. Ma che importa, mi dicevo. E se uscivo, mi aspettavi triste. Così credevo. Mi raccontavano che te ne stavi in silenzio, sulla poltrona rossa all’ingresso. Ma se io ero a casa… Dov’ero io, lì… Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Per chi ha il mugugno facile

 
Lo so, sei terribilmente stanco, disperato, depresso, deluso, arrabbiato. E nessuno ti capisce. Ti consiglio di mangiare una bella fetta di pane con la Nutella e poi un’altra e poi un’altra ancora e di continuare così per almeno un mesetto, mattinapomeriggiosera. Alla fine sarai anche grasso da far schifo e ti assicuro che anche la pelle del tuo viso ne avrà risentito. A quel punto potrai urlare al mondo quanto sei sfortunato. Più di tutti. Tu solo. Unico terremotato in una terra di gente felice. E finalmente sarà chiaro a tutti che il mondo è stato creato con l’unico scopo di metterla in quel posto solo a te. Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Piccolo uomo

 
Ti ho visto correre e mentre correvi gli anni ti raggiungevano e le tue gambe magre si facevano muscolose e poi stanche e i tuoi capelli diventavano bianchi e i tuoi calzoncini dei pantaloni eleganti e la tua maglietta una camicia a righe di gran lusso, appena visibile dalla giacca di marca a doppiopetto. E la corsa si faceva più lenta e il fiatone un respiro lungo da pavone e lo sguardo impaurito diventava fiero e deciso e l’odore acre del sudore annegava nel tuo profumo da cento euro. La corsa è quasi finita e il tuo volto sarà perso per sempre. La tua pelle, piccolo uomo, la tua pelle, persino quella hai cambiato? Che rimane di quel ragazzo?… Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 2 commenti