Libri

1) La costante D – ovvero dialogo filosofico sull’esistenza di Dio, ed. L’Autore Libri, Firenze 2001

Quarta di copertina

Cos’è la “Costante D”? È il “valore fisico” intorno a cui ruota l’intera argomentazione di questo Dialogo – filosofico ma non troppo – sull’esistenza di Dio, che recupera il senso oginario della filosofia, come strumentazione logica della ricerca della verità, attraverso la forma dialogica platonica, il cui fine è la dimostrazione logico-scientifica dell’esistenza di Dio. Libertà, Resurrezione, Eternità, trovano in una “forma di pensiero” quanto mai originale e strutturata – attraverso la triade fisica di spazio-materia-tempo – una spiegazione “dimostrabile” filosoficamente e scientificamente che apre la strada a nuovi orizzonti analitici e meditativi.

2) La svolta della filosofia, Erga edizioni, Genova 2008

Quarta di copertina

Con i consulenti filosofici la filosofia ritorna ad attingere dal fertile terreno dell’esistenza. L’autrice analizza i fondamenti scientifici dello statuto della consulenza filosofica, offrendo nuovi suggerimenti teorici e operativi. Il continuo riferimento alla dimensione del vissuto, attraverso un’analisi attenta e una prosa accessibile, permette anche ai non addetti ai lavori di trarre dal testo importanti spunti di riflessione.

3) Sirena, Erga edizioni, Genova 2008

Quarta di copertina

Andrea è uno psicoterapeuta, annoiato dalla routine del lavoro e dalla monotonia del matrimonio. S’innamora di una sua paziente, Lucia. Attraverso lei, riscopre se stesso, il valore del suo lavoro e le sensazioni assopite di un rapportoormai spento. Lucia, una donna abusata, ripercorre durante l’analisi la sua vita, mostrando sin dall’inizio la potenza della sua fragilità. Una scommessa li porterà a giungere al fondo sacro dell’amore, in cui si ritroveranno uniti per sempre nella follia a due.

4) MNR – Metodologia della Narrazione e della Riflessione, Randazzo G., Russo M., Vacatello M.T. (a cura di), Erga Edizioni, Genova 2009

Quarta di copertina

Conosciamo pensieri, solitudini, aspirazioni dei bambini e dei giovani? Siamo consapevoli dei nostri pregiudizi nei loro confronti? Sanno ascoltarsi e dialogare o si accontentano di chiacchierare? In quali momenti e da chi ricevono ascolto? Ci chiedono di “non dare sempre la colpa ai fatti”, ma che significa?
Un gruppo di ricercatori genovesi ha messo a punto, e ampiamente sperimentato nelle scuole di Genova e Provincia, la Metodologia della Narrazione e della riflessione. La MNR arricchisce il quadro europeo delle buone pratiche, promuovendo l’identità del gruppo attraverso le storie dei ragazzi, da loro stessi narrate e rivisitate. Il testo non è solo rivolto al mondo della scuola e alle famiglie. Il raggio di azione della MNR può estendersi ad altre tipologie di gruppo.
Strumenti, stili di facilitazione, tecniche, schede di narrazione, riflessione e monitoraggio, presentati in questo testo sono il risultato di aggiornamenti e di rielaborazioni continue, che hanno permesso di portare alla luce il dipinto nascosto dietro il velo allegro di sguardi, voci e silenzi di bambini e ragazzi.

5) Bullismo a scuola tra immagine e realtà– Cambiare linguaggio per superare il pregiudizio, R. Peccenini, G. Randazzo, M. Russo, M.T. Vacatello (a cura di), Erga edizioni, Genova 2009

Quarta di copertina

Percorso per il Benessere Scolastico con la MNR Metodologia della Narrazione e della Riflessione. In questo volume si raccoglie quanto presentato a Genova nel convegno “Bullismo a scuola tra immagine e realtà. Cambiare linguaggio per superare il pregiudizio”.
Gli atti sono coerenti con lo stile che caratterizza il progetto sicuraScuola – Un impegno sociale collettivo, finalizzato a prevenire la violenza scolastica e a promuovere la sicurezza nella scuola, attraverso la MNR – Metodologia della Narrazione e della Riflessione. Le relazioni, dunque, non sono frutto della riflessione solitaria di un esperto, ma l’esito del confronto tra coloro che sono intervenuti. Un testo che permette di conoscere un nuovo modo di lavorare in classe, che si inserisce nel panorama europeo della promozione delle buone pratiche di gestione delle classi.

 

I commenti sono chiusi.