Archivi autore: Giusy Randazzo

Ti lascio di nuovo

In tutti noi esiste un fondo di pura irrazionalità. Ed è talmente intimo che non ne condividiamo il contenuto neanche con la persona che più ci è amica, quella insomma a cui possiamo confidare ogni cosa. Eppure appartiene a tutti.
Facciamo qualche esempio.
A chi non è mai venuto in mente, di fronte a un freno di emergenza -una semplice leva rossa- o a un martelletto, di quelli per infrangere il vetro del pulsante d’emergenza, di pensare di usarli pur senza alcuna effettiva emergenza? E non è forse vero che l’istinto è divenuto talmente forte che abbiamo dovuto girare lo sguardo altrove? O ci siamo messi a ridere di noi stessi per le follie che stavamo pensando? Oppure, a chi… Continua a leggere »
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Alla faccia vostra!

Pascal tuonava contro il divertimento. Lo considerava una delle vie umane per evitare di pensare alla nostra naturale condizione esistenziale segnata dall’incostanza, dalla noia, dall’inquietudine. Il suo stesso etimo devertere significa deviare, distogliere. Insomma, il divertimento, per Pascal, ci allontana da noi stessi e da un’autentica riflessione interiore.
Stiamo calmi, non è sempre così, per fortuna. Ma il linguaggio non mente e scava nel silenzio della coscienza disvelando a noi e agli altri il nostro fallimentare tentativo di sospendere la ricerca di senso, distraendoci.
Talune commedie brillanti hanno questo scopo: donare allo spettatore un momento di evanescente leggerezza che possa per qualche ora fargli credere di aver dato un significato – altro – alla propria vita. Ridere… Continua a leggere »
Pubblicato in Dintorni | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Melancholia

Melancholia è un film del 2011, scritto e diretto da Lars Von Trier. Interpretato da una magnifica Kirsten Dunst (Justine) e un’efficace Charlotte Gainsbourg (Claire).
È il giorno del matrimonio di Justine. Lei ha tutto: bellezza, giovinezza, amore, ricchezza. Ha anche una sorella che si prende cura di lei. Ha però una madre anaffettiva ed egoista e un padre infantile e inaffidabile. Justine ha anche melancholia, una depressione profonda che le fa sentire ogni cosa, come se in lei fosse connaturata una lente di ingrandimento che le mostra la misura di tutto e la miseria del mondo della vita. Non riesce a immergersi nel divertimento, Justine è sempre ripiegata in se stessa, ma sempre aperta alla terra, in grado… Continua a leggere »
Pubblicato in Dintorni | Contrassegnato , , , , , , , , , | 5 commenti

Il docente ovaiolo

In previsione del concorso a cattedra avevo pensato di far domanda in qualità di commissario d’esame. Mi sono così accertata di essere in possesso dei requisiti e di poter concorrere alla selezione con qualche vantaggio. Si prediligono coloro che possiedono un dottorato di ricerca, specializzazioni, master, abilitazioni, etc. Bene, ho tutto, mi son detta. Poi il lampo. Quanto sarà il compenso?
Ogni commissione dovrà valutare un massimo di 500 docenti, correggerne i compiti, interrogarli e nessuno sarà esonerato dal servizio. Per non parlare dell’aspetto burocratico: riunioni fiume, verbali, giudizi, vigilanza. Per di più, se per gli Esami di Stato trascorriamo l’intera giornata a scuola, a volte fino a sera, figuriamoci che cosa vorrà dire valutare 500 docenti. E vogliamo… Continua a leggere »
Pubblicato in Dintorni | Contrassegnato , , , , , , , | 8 commenti

Il gesto fotografico

È la bellezza, nella foto di Franco Carlisi (Untitled, 2006), a rapire chi vorrebbe destinare soltanto uno sguardo alla visione. Le sfumature di grigio, i contorni indefiniti, la luminosità del buio, la caravaggesca capacità di costruire la luce con i toni di nero evocano suggestioni che costringono ogni osservatore alla contemplazione. Sensualità, candore, fragilità, amore, tempo, si raccontano. Sembra di vedere attraverso l’obbiettivo. Gli angoli tendono al bianco. Emergono i dettagli: le caviglie sottili, l’incavo del ginocchio, la pelle vellutata, la geometria della posa sensuale, le curve delle gambe, il movimento dinamico ed elegante dei piedi. La nudità si fa eloquente, lascia l’interno architettonico in cui si origina, e parla di una storia più grande, non soltanto sua,… Continua a leggere »
Pubblicato in Fotografia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

L’infame impresa

Hanno avvelenato dei cani nella Valle dei Templi, pare con del veleno per lumache spalmato su carne cruda. E così mentre Bernini è ospite ad Agrigento, alla Bellezza risponde la Bruttezza che ha sempre potere e ha sempre il suo sciame di ammiratori perché è figlia dell’ignoranza, non quella libresca – o almeno non solo - ma quella della miseria emotiva; che è persino difesa da argomentazioni che altrove fanno scandalo: “E come ci dobbiamo difendere dal randagismo?”.
Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il ghigno e la rabbia

L’essere umano sa a che cosa porta la rabbia: odio, insofferenza, risentimento, rancore, disprezzo. A provocarla è sempre la stessa bassezza spietatamente crudele: il ghigno della menzogna. Ci sono figuri che credono di poter mentire spudoratamente e rimanere impuniti; di poter prendere in giro la storia e scaricare su altri la loro ignominia. Hanno eliminato la stepchild adoption, hanno eliminato l’obbligo di fedeltà, hanno impedito il voto in Parlamento e hanno mistificato la posizione dei loro deputati sostenendo che era necessario concedere qualcosa ad Alfano: no, l’hanno concessa ai cattodem del loro gruppo. Il PD e il loro capocomico in testa volevano questa Cirinnà illanguidita sin dall’inizio, altrimenti si sarebbe notata con troppa evidenza la spaccatura interna al partito. L’unico… Continua a leggere »
Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Consapevolmente idioti

A noi la storia non interessa, se gli USA decidono di fare un’altra guerra “umanitaria” ci accodiamo come servi. Abbiamo avuto prova che quanto accaduto col nostro contributo in Iraq e in Libia ha aperto scenari tragici. Abbiamo consapevolezza di quanto sta avvenendo in Siria e di quanto incredibilmente feroce sia alimentare questo conflitto fratricida. Sappiamo che ogni luogo diventa possibile zona di combattimento, a danno dunque delle popolazioni civili che stremate, sfiancate, devastate finiscono per tentare la fuga in Occidente amplificando la crisi migrazione che sta investendo l’Europa. In tutto questo non ci è più chiaro chi sia il nemico: l’IS? Assad? L’Iran? L’Iraq? La Russia? I sunniti? Gli sciiti?
Parliamo di terroristi e non sappiamo chi sono. Siamo… Continua a leggere »
Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lo stratega trasformista

Che Renzi non volesse veramente la stepchild adoption era chiaro sin dall’inizio. Come può un frequentatore di papisti, un benevolo oppositore della destra con cui stringe patti a ogni piè sospinto, un democristiano travestito da progressista volere sul serio una simile legge? Bisognava semmai fingere di volerla, scaricare la responsabilità del fallimento su qualcun altro, stralciare la parte “divisiva” (come adesso chiamano la stepchild adoption) e far votare un ddl estremamente illanguidito. Ma la colpa di chi è? Del M5S, ovviamente. Perché il M5S non ha votato il supercanguro che persino Grasso ritiene inammissibile. Il Presidente del senato sostiene per di più che sia possibile un esame normale della legge, ovviamente in Parlamento dov’è giusto -in un paese democratico- che… Continua a leggere »
Pubblicato in Notizie | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Il costruttore della verità

«Vivevo nella menzogna continua. Ormai c’ero dentro e nulla potevo fare per sfuggirvi. Mentivo a chiunque con uno scopo preciso: io ero sempre vittima, sempre il più buono, sempre il migliore. L’altro, chiunque egli fosse, era il mostro. Poi intorno a me gli amici divennero infidi e le amanti rimasero amanti. Nel frattempo perdevo tutto. Tutto quello che non si può quantificare, intendo, perché i soldi non mi mancavano. Anzi, tutt’altro. Erano la ragione più importante per cui mentivo. Ho così preso la decisione di ricominciare con la verità. Fu impossibile però. La menzogna ti insegue, ti devasta, ti divora, persino ti possiede. Diventa il tuo volto. E’ come la pazzia, sai? Se fingi troppo a lungo di esser pazzo,… Continua a leggere »
Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , | 2 commenti