540 views

Vita pensata, n. 9 marzo 2011

 

È on line il numero 9 di Vita pensata, rivista mensile di filosofia. Come sempre gli argomenti trattati sono eterogenei. Un’attenzione specifica però è rivolta al tema della donna, a cominciare dall’editoriale.

Indice Vita pensata, n. 9, marzo 2011

I miei contributi
Femmina (editoriale, con Alberto Giovanni Biuso), p. 4

Donne senza uomini (con Alberto Giovanni Biuso), p. 39
E pensare che c’era il pensiero, p. 43
Aspasia, la maestra, p. 53

Questa voce è stata pubblicata in Eventi e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vita pensata, n. 9 marzo 2011

  1. diegob scrive:

    una lettura, quella della rivista, che è divenuta centrale nel mio personale percorso; immagino che il lavoro per la redazione sia piuttosto impegnativo, dovendolo ritagliare dagli altri impegni personali e professionali; insomma, un grazie sincero ai direttori scientifici, al direttore responsabile, a chi collabora e al grafico web che si accolla il peso di concretizzare il tutto;

    (il mio contributo è irrilevante rispetto alla qualità di molti altri scritti, anche se ovviamente mi fa piacere riscontrarlo)

     
  2. Giusy Randazzo scrive:

    Caro Diego,
    la ringrazio di quanto dice sulla rivista. Sì, l’impegno è davvero consistente e non si conclude con l’editing, la scrittura e la scelta dei testi, ma continua con la fase di progettazione e messa a punto del pdf e della pubblicazione sul web. Gli impegni personali poi sono davvero tanti, soprattutto perché abbiamo scadenze da rispettare che riguardano altre pubblicazioni. La vita scorre tra il lavoro, la lettura e la scrittura, scandita ovviamente dai ritmi familiari che sono primari (mi consenta: soprattutto per una donna). Questo è anche il motivo per cui spesso non sono così celere a rispondere ai commenti del sito. Se poi aggiunge che non ho il dono della sintesi…
    Altra cosa, non dica più, per favore, che i suoi contributi sono irrilevanti. Io li trovo ben scritti, oltre che interessanti e lucidi. So che questo vale anche per Alberto.
    Un caro saluto,
    gr
    PS
    Sono contenta che abbia deciso di andare oltre la formalità dei titoli. Io azzardo un po’ di più: possiamo darci del tu?

     
  3. diegob scrive:

    d’accordo, cara giusy, da oggi il tu, con piacere

    so bene che una donna sopporta più pesi familiari,

    gli uomini sono eroici ogni tanto, le donne, ogni giorno, questo è il mio pensiero

     
  4. Giusy Randazzo scrive:

    Caro Diego,
    il tuo pensiero è un dono. Ti ringrazio come rappresentante dell’eroico sesso.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *